Cinzia Bevilacqua - Home page

…………. nei suoi dipinti l’artista riduce gli oggetti e le figure a ‘servitori’ del colore e, paradossalmente, il colore ha come unico veicolo per esistere e vivere l’apparire in quelle forme. Non per questo il dato poetico viene a mancare: anzi ne esce esaltato, purificato da tutto quanto si avverte ormai come disturbo. E’ una pittura sempre di più trattata sul registro del pianissimo, con un tocco che entra nelle cose senza disturbarle. E’ una pittura che vive della luce come modo per esprimere la forma che si sostanzia del colore. E’ una lunga meditazione sul rapporto tra il visibile e il suo senso.

Da  “La forma del colore” di Giuseppe Fusari.